In questo articolo desideriamo affrontare quello che è considerato il “tallone d’Achille” di molte aziende, soprattutto Italiane che, essendo per il 98% composte da piccole e medie imprese, non si sono mai strutturate per gestire i processi di magazzino con tecnologie e metodi automatici.

Il magazzino, funzionale sia per lo stoccaggio di materie prime, che di semilavorati o di prodotti finiti, incide in modo significativo sull’ammontare complessivo dei costi sostenuti e sul livello di servizio espresso nei confronti dei clienti, divenendo in tal modo un elemento importante per la competitività.

Il magazzino è un importante segmento della catena di fornitura ed è strettamente collegato con le diverse divisioni aziendali: logistica, produzione, commerciale, servizio clienti. Molte attività dipendono dalla gestione del magazzino: il trasporto, la ricezione, gli acquisti, il controllo delle scorte, lo stoccaggio e la distribuzione della merce, il servizio al cliente finale, pianificazione della produzione.

Questo per dire che la gestione del magazzino è molto complessa e coinvolge diversi aspetti dell’azienda.

Per esempio, quando tra le sofferenze di un magazzino viene evidenziata la mancanza di spazio, la risposta al problema non deve essere unicamente individuata cercando la tecnologia di movimentazione più veloce o provvedendo ad ampliare i locali, ma valutare, per esempio se migliorando le previsioni di uscita del materiale o velocizzando la rotazione dei prodotti, possano diminuire i volumi di merce da stoccare.

Per migliorare l’organizzazione del magazzino, dobbiamo prendere in esame, in modo integrato sia strumenti, attrezzature, sistemi per la movimentazione fisica e lo stoccaggio delle merci, sia sistemi di ICT (Information Comunication Technology) che permettono di sincronizzare i flussi delle informazioni\dati con quello dei prodotti e di mettere in atto modalità operative funzionali ed accurate.

Nella gestione efficiente del magazzino, quello che è fondamentale è avere sempre a disposizione in tempo reale il “Dato”.

Nella nostra longeva esperienza in giro per le aziende, vediamo molte aziende che gestiscono la logistica ancora con fogli di calcolo, a volte anche cartacei, con ampi errori, perdita di tempo e scarse prestazioni. La strategia di ottimizzazione da mettere in atto, implica l’adozione di strumenti informatici in grado di garantire una gestione integrata e in tempo reale con tutto il ciclo produttivo aziendale creando valore e migliorando le funzionalità aziendali.

Ogni azienda in base alla sua tipologia ha una organizzazione diversa della logistica di magazzino. Possiamo però tracciare alcune linee guida valide universalmente:

  1. L’organizzazione è la parola chiave per la gestione logistica: un magazzino strutturato secondo i bisogni reali dell’azienda, una specializzazione dei compiti, una collocazione di qualità faranno guadagnare tempo ed efficienza.
  2. L’ambiente di lavoro deve essere il più piacevole e sicuro possibile, per proteggere la salute dei dipendenti.
  3. Automatizzare i processi.
  4. Inserire il sistema gestionale integrato. Solo così le informazioni sono strutturate e condivise in tempo reale in tutta l’azienda.

 

Leggi il caso di successo in Balder

Contatta i nostri esperti per una consulenza gratuita

 

Cerca